Currently browsing

Page 21

Le Campane Tibetane e il Thap Chi Lien Tam

In Vietnam esiste un metodo originale di Digitopressione chiamato Thap Chi Lien Tam (“Digitopressione per l’Unione dei Cuori”), che trova le sue radici nell’antico Egitto.

bellezza campane tibetane | lavocedelcarro.it

La bellezza e le campane tibetane

La bellezza e le campane tibetane è l’elaborato/tesina di fine corso di massaggio sonoro di Catia Rubbini, ci racconta la sua esperienza e i suoi pensieri.

L'uomo e le campane | lavocedelcarro.it

L’uomo e le campane

L’uomo e le campane sono in relazione dalla notte dei tempi.
La memoria: nei monasteri tibetani la musica è considerata sacra in quanto strumento di unione e ricerca di contatto consapevole tra le dinamiche terrestri e le sfere celesti.

shiatsu | lavocedelcarro.it

Shiatsu vibrazione silenzio

Juddu Krisnamurti: Ascoltate e mantenete lo spazio tra l’osservatore e la cosa osservata. Se mantenete completamente vuoto questo spazio, non c’è osservatore né cosa osservata; c’è soltanto movimento.

Fiori di Bach e meridiani

I nostri piedi sono le radici che ci collegano al terreno, le intense vibrazioni generate dalle nostre campane attiveranno il percorso dei meridiani in tutto il corpo. In questi incontri proveremo il classico Massaggio Planetario con le campane tibetane integrato con i fiori di Bach.

massaggio sonoro | lavocedelcarro.it

La campana planetaria e i fiori di Bach

Abbiamo sperimentato questa nuova tecnica in diverse modalità operative, in questi seminari effettueremo il classico Massaggio Planetario con le campane tibetane integrato con i fiori di Bach secondo Dietmar Krämer.

Thich Nhat Hanh

Sappiamo e confidiamo che Thay riceverà tutta la vostra energia, che sarà di grande aiuto per la sua ripresa e guarigione. La nostra pratica di stabilità e pace in questo preciso momento è il miglior sostegno che possiamo offrire a Thay”.

Inquinamento acustico e campo energetico

Già nel 1977 Murray Shafer ci diceva che l’inquinamento acustico rappresentava un problema mondiale e il paesaggio sonoro aveva raggiunto il massimo della volgarità. Ci prospettava la realizzazione di Giardini soniferi, dei parchi ben concepiti dal punto di vista acustico nei quali sia possibile assaporare i veri suoni della natura.