Le campane tibetane e il profumo

lecampanetibetaneeil profumo lavocedelcarro.it
By: Audrey

La relazione tra le campane tibetane e il profumo

La relazione tra le campane tibetane e il profumo è un’affascinante tematica. L’ abbiamo già trattato nel nostro testo: Massaggio sonoro con le campane tibetane, editato dalle Edizioni Mediterranee nel 2013. Mettevamo in relazione le vibrazioni delle campane con la stimolazione del bulbo olfattivo che veicola informazioni-messaggi che stimolano i nostri profondi centri emozionali. Riportando alla coscienza ricordi, immagini e talvolta profumi. Descrivevamo la comparsa del profumo di rosa durante un massaggio con le campane.

Il nuovo testo: Massaggio sonoro con gli oli essenziali

Nel nuovo testo: Massaggio sonoro con gli oli essenziali, uscito nel 2015 abbiamo approfondito questa realtà vibrazionale. Abbiamo studiato e sperimentato l’applicazione integrata delle campane tibetane e degli oli essenziali. Le tecniche vibrazionali si avvicinano naturalmente per affinità. Le campane tibetane e gli oli essenziali sono due strumenti della tradizione che ci ricordano il senso di appartenenza nel Tutto. Trasmettendo i loro sottili e potenti messaggi vibrazionali.

L’esperienza di Valentina

Valentina è un’operatrice shiatsu, ha studiato con noi il massaggio sonoro con le campane tibetane in occasione di un seminario che realizzammo in una scuola di shiatsu toscana. Ecco la sua esperienza: Ho deciso di inserire un po’ di passaggi con la campana tibetana su richiesta della mia ricevente, incuriosita e desiderosa di provare gli effetti di cui le avevo parlato in precedenza durante i nostri usuali incontri settimanali (E’ una mia ricevente dal luglio 2014).

I chakra

Dato che in occasione della seduta la ricevente aveva il ciclo mestruale, ho preferito utilizzare la campana partendo dalle piante dei piedi. In posizione supina, per poi risalire attraverso i chakra, ma senza contatto diretto sul 1° e sul 2°. Quando sono stata sopra Vishudda, il 5° chakra, localizzato all’altezza della gola, il collo della ricevente si è arrossato tantissimo. Nonostante non ci sia stato contatto diretto (evitato dopo aver visto l’arrossamento). Poi mi sono concentrata sul viso, sulle orecchie, sul 6° e 7° chakra.

Lo shiatsu

Il “passaggio sonoro” è durato in tutto non più di 10 minuti, dopodiché ho proseguito e completato con lo shiatsu. Subito dopo il trattamento, la ricevente mi ha chiesto che profumazione avessi messo nella campana o mi fossi data addosso, poiché quando sono stata vicina alla sua testa e al suo naso ha avvertito un fortissimo profumo simile alla rosa e al gelsomino (non riusciva a descriverlo più precisamente), mai sentito prima in vita sua, almeno per quanto ricorda lei. Ha percepito questo profumo in modo intensissimo, come se io me lo fossi appena dato o se la campana stessa profumasse di questa fragranza, quando in realtà né io né la campana avevamo quel profumo.

Il profumo, le vibrazioni della campana e lo shiatsu

Nella settimana successiva al trattamento, la ricevente ha riportato di percepire gli odori e i profumi in maniera straordinariamente più intensa di prima e che ha apprezzato enormemente le vibrazioni della campana, che le hanno donato un rilassamento ancora più profondo di quanto non abbia col solo shiatsu.

Per approfondimenti su tutti i nostri testi