Le campane tibetane e Ganesh

By: Jean-Pierre Dalbéra

Ganesh

Le campane tibetane e Ganesh è tratto dal nostro testo di riferimento in Massaggio sonoro. Nella tradizione indiana la divinità che aiuta a togliere gli ostacoli è Ganesh, il dio elefante che, con la sua proboscide, toglie materialmente i tronchi degli alberi caduti sul sentiero, sgombra la strada con la sua forza e ci aiuta nel cammino.

Ganesh mudra

Gli ostacoli possono essere esterni e interni ed esiste un bellissimo mudra per superarli e sciogliere le tensioni che costringono il cuore. Nella realizzazione di Ganesh mudra si portano le mani davanti al petto all’altezza del cuore e si uniscono la sinistra sotto e la destra sopra. Durante l’espirazione, tirando le mani verso l’esterno senza scioglierle, gradualmente si distenderanno i muscoli pettorali e, nella fase successiva dell’inspirazione, verrà rilasciata ogni tensione. Eseguito l’esercizio alcune volte, si alterna la posizione delle mani e poi si resta qualche momento in contatto e in ascolto della zona del petto. L’esecuzione del mudra ci rende consapevoli delle nostre tensioni aiutandoci a scioglierle.

Il suono

Un’interessante variante è quella di accompagnare l’espirazione con la delicata emissione del suono “ooooooommm”, cercando la risonanza della vocalizzazione nella zona dello sterno. Più avanti affronteremo in modo dettagliato le tecniche di suono indirizzato. Un’altra modalità per sciogliere le tensioni nel petto è quella di utilizzare una campana tibetana originale. Si terrà la campana sul palmo disteso della mano sinistra, posizionandola di fronte al petto. Scorrendo il batacchio di legno lungo la circonferenza esterna della campana, si inizierà a far emergere dal silenzio un suono sottile che, con paziente pratica, si estenderà. Inizialmente non è consigliata la scorciatoia che prevede di battere direttamente il batacchio sulla campana.

La forza del cuore

Anche in questo caso, la ricerca consapevole della risonanza corporea faciliterà la distensione. E, con il tempo, si riuscirà a produrre il suono in modo sempre più sicuro e stabile. Nel massaggio sonoro, le campane veicolano l’energia di Ganesh, nel senso che sciolgono le tensioni eccessive che possono frenare il nostro naturale cammino. Possiamo dire che rendono inoltre la struttura corporea più compatta e risonante, permettendole di percorrere la strada con più fermezza e decisione e ridonano il senso del ritmo, accordando l’originale forza del cuore con il soffio del respiro